Circa alberto

Questo autore non ha riempito alcun dettaglio.
Finora alberto ha creato 15 post nel blog.

Architetti Notizie n. 2/2020

Online il nuovo numero della Rivista dell’ Ordine degli Architetti PPC Padova AN-Architetti Notizie, leggibile liberamente. Lo potete leggere qui Per chi lo desiderasse, copia cartacea può essere richiesta scrivendo direttamente all’Ordine degli APPC di Padova

2020-07-23T14:21:04+00:00

GAR 229. Post-Covid / Razzismo / Soleri

Cari lettori, traendo spunto dalle drammatiche cronache inerenti i conflitti sociali negli Stati Uniti, proviamo a vedere come il tema della discriminazione razziale sia stato trattato negli allestimenti e nelle architetture chiamati a dar forma alle ricostruzioni della public history. Una narrazione che, lungi dall'essere memoria condivisa, è tutta affidata, come nelle pregevoli opere di MASS

2020-07-16T05:46:58+00:00

GAR 228. Cambiamento climatico

Cari lettori, il ritorno a una certa (apparente?) normalità non ci esenta (anzi, ci dovrebbe stimolare) dalla perlustrazione di pratiche virtuose nella gestione ambientale. Così, seppur senza voler per forza individuare nessi diretti con la pandemia, torniamo a occuparci di programmi, piani e progetti di trasformazione urbana in relazione al cambiamento climatico e, in particolare, alla

2020-07-09T19:45:51+00:00

GAR 227. Christo

Cari lettori, si può stabilire un nesso tra l'operato di Christo (in omaggio al quale pubblichiamo un'intervista in cui racconta di un suo grande progetto di particolare valenza simbolica e iconica) e la condizione della "città assente", che speriamo di non dover più rivivere dopo il confinamento. Avviluppando i manufatti, Christo (e sua moglie

2020-07-02T21:33:56+00:00

Convocati Stati Generali libere professioni

Il 4 Giugno 2020 la rete delle libere professioni si riunisce. I liberi professionisti si muovono cercando di avere dinamicità rispetto ad una situazione generale molto critica. Già lo era prima del COVID, critica e senza molte speranze. Agire oggi, dopo la notizia che il DL non si interessa dei professionisti è il minimo. La

2020-05-30T07:36:57+00:00

GAR 226. Presidi sanitari emergenza…

Cari lettori, l'auspicato ritorno alla normalità non può esimerci dal guardare alla condizione (speriamo quanto mai transeunte) del distanziamento fisico come occasione per riflettere su temporanee riconfigurazioni degli assetti spaziali: ad esempio, a metà tra provocazione e visioni dell'immaginario artistico e architettonico, le "Supersuperfici" per gli stabilimenti balneari. E mentre Gilles Clément, da sinistra,

2020-06-25T06:00:39+00:00

GAR 225. Sulla ripartenza…

Cari lettori, il percorso della ripartenza è lastricato dalla buona volontà degli architetti, che stanno predisponendo piattaforme di dialogo interdisciplinari, nell'auspicio di fare massa critica e farsi sentire nelle sedi opportune, al fine di superare la loro atavica marginalità all'interno del sistema Italia: diamo riscontro delle principali iniziative nel reportage di apertura. Reportage che,

2020-06-22T20:00:00+00:00

GAR 224. Politiche e spazi post Covid-19

Cari lettori, quali politiche per quali spazi nel post Covid-19? Intanto, se dovremo stare distanti (fisicamente, non socialmente), serve una maggior quantità di spazio pubblico, più capiente, più articolato, più polisemico e polifunzionale; uno spazio ibrido, fatto di più componenti, flessibile a diversi usi. Il fatto è che, come abbiamo già più volte accennato

2020-06-21T19:27:56+00:00

GAR 223. Città e convivenza

Cari lettori, mentre con cautela, come cittadini, stiamo riprovando a mettere il naso fuori da casa e a godere (con giudizio) dell'ambiente circostante, qui seguitiamo ad ospitare riflessioni sulla città e la convivenza che ci attendono. Sembra però oggettivamente difficile aspirare a virtuosi modelli urbani basati sul senso di comunità, se ci troviamo di

2020-06-21T19:27:49+00:00

GAR 222. Professione: rinascita o declino?

Cari lettori, a due mesi dall’arrivo del Coronavirus in Italia viviamo ancora un’immobilità piuttosto laboriosa. Nel mondo delle professioni, il lockdown ha creato danni oggi non ancora quantificabili ma non fermato del tutto un lavoro che ha utilizzato strumenti differenti. Call e piattaforme per riunioni a distanza, ma anche i più tradizionali telefoni e

2020-06-21T19:27:41+00:00